Il Girone dei Golosi

Ricette gustose di Sandra Bubù

Amo cucinare, fotografare le mie pietanze, commentare le mie esperienze in giro per il mondo.
Da un prodotto povero e genuino trasformo in una pietanza chic.

Troverete le mie ricette, ricette di chef famosi e colleghi e di amiche appassionate per la culinaria

"La cucina è
l'atto più privato e rischioso. Nella cucina cè la tenerezza o il odio.
Si versa
nella padella condimento o veleno.
Cucinare
non è il servizio.
Cucinare
è un modo di amare gli altri. "


https://www.facebook.com/kikafrizzantina


cuoca, chef, masterchef, food, ristoranti, ricette, cucina, carlo cracco, joe bastianich, carne, grigliata, cook,


lunedì 22 giugno 2015

Spaghetti ai carciofi

Economico e gustoso
Spaghetti
carciofi freschi e grigliati solo il gambo..non si biutta via niente!
Prezzemoli freschi
peperoncino piccante
Sale  qb
Olio evo

giovedì 11 giugno 2015

Açai nel cocco

L'açai è una pianta della famiglia delle palme che cresce soltanto in Amazzonia, il cui frutto e' una bacca di colore violaceo. Viene considerato un 'superfood' per le sue capacita' nutritive e grazie all'alta presenza di flavonoidi e' il frutto con la piu' alta concentrazione di antiossidanti al mondo, circa 15 volte maggiore dell'uva nera. Spesso pubblicizzato in maniera ingannevole come soluzione a qualsiasi problema di peso, la bacca di açai non fa miracoli, tuttavia grazie al suo alto contenuto di fibre e nutrienti, oltre ad un indice glicemico molto basso, dona sazieta' ed energia, percio' e' molto indicato per diete dimagranti. Utilizzando una vecchia ricetta brasiliana, in uso presso le tribu' amazzoniche, l'açai viene spesso addizionato al guarana', anch'esso proveniente dalla foresta amazzonica, naturalmente ricco di caffeina, creando un mix di frutta capace di apportare energia e concentrazione. Non a caso e' particolarmente diffuso tra i praticanti di brasilian jiu jitsu, capoeira e altri sport "duri" in quanto rende gli atleti piu' grintosi e concentrati. Essendo anche ricco di acidi grassi salubri (omega 6 e omega 9) e' perfetto per combattere il colesterolo cattivo (causa di disturbi cardiovascolari).

Insalata polpo e girelli al salmone e rucola



La pesca fà la protagonista



Taglier salumi

Per i golosoni che non amno rimanere davanti ai fornelli..
Tutto salumi



Chutney di mango


Insalata di gamberi piccanti

Per i miei gusti un po' di piccante non guasta..
Insalata di gamberi piccanti

Pesto al aglio fresco

Non so come si chiama questo tipo di aglio in Italia..profumatissimo ma non pesante..
Pestare come se fossi per il pesto genovese. Poi condirebruschetta, pasta, ecc

Delicious Various

Bicchierini di insalata di farro con verdure e pistacchi  
fragole, gelato e cereali...

lunedì 8 giugno 2015

Patate con caviale affumicato e pesce spada

Patate arrosto, formaggio di capra, pesce spada affumicato, mella rossa e nocciole

Risotto con purea di ricci e caviale affumicato

Ingredienti:

     500 gr. Riso Arborio
     1 piccola cipolla bianca
     2 spicchi d'aglio grattugiato
     50 cl. olio D'Oliva
     200 cl. Vino Bianco Secco
     1.600 cl. Brodo Di Pollo

per la purea di ricci di mare
     100 cl.  polpa di ricci di mare
     60 gr. Burro      30 cl. olio D'Oliva
     40 gr. parmigiano grattugiato


      24 gr. affumicato Caviale
     Coriandolo fresco
     olio D'Oliva
    pepe nero

Preparazione:

Friggere l'aglio e la cipolla con l'olio d'oliva fino a traslucido. Aggiungere il riso e fate cuocere a fuoco medio per 2-3 minuti mescolando continuamente. Aggiungere il vino bianco e continuare a mescolare a fuoco medio fino a quando completamente ridotto e assorbito dalla corsa. Aggiungere il brodo di pollo un terzo alla volta e continuare a mescolare a fuoco medio fino a completo assorbimento da parte del riso.

Mescolare in purea riccio di mare, il burro e l'olio d'oliva. Condite con sale a piacere.

Terminate da agitazione in parmigiano grattugiato.

Aggiungete il risotto in una ciotole. Aggiungere  caviale affumicato e aneto per completare piatto.

Tortino di polpa di granchio, caviale e avocado


Ingredienti:

50 gr. polpa di granchio

1/2 cucchiaino finemente tritato scalogno

un pizzico di paprica

3/4 cucchiaino di succo di limone fresco

1 grande avocado maturo

sale marino e pepe macinato fresco a piacere

40 gr.  Black River Caviar

Istruzioni:

Unire la polpa di granchio , scalogno, paprika, la metà del succo di limone, sale e pepe a piacere in una piccola ciotola. Tagliare l'avocado a metà, togliere fossa, e il cucchiaio la polpa in una piccola ciotola. Schiacciate l'avocado con una forchetta. Aggiungere l'altra metà del succo di limone per l'avocado fracassato, e aggiungere sale e pepe a piacere. Per servire le torri, iniziano con un 3 "appiattita mucchio di avocado fracassato su ciascuno dei quattro piatti. Dividere il granchio in 4 porzioni e formare uno strato di granchio sulla cima avocado su ciascun piatto. Con un cucchiaio, alto ogni strato di granchio con un secondo tumulo di avocado e appiattire. Infine, cucchiaio  di Black River caviale in cima ad ogni torre. Servire immediatamente.

Appetizeres

Salmone affumicato, platano al profumo di  cumino

Macarrons.. i biscottini francesi che se la attirano




Macarrons..i biscottini francesi che se la attirano

Ingredienti

    Farina di mandorle: 125 gr
    Zucchero a velo: 150 gr
    Zucchero: 100 gr
    Albumi: 3
    coloranti alimentari: qb

Ricetta e preparazione

Ecco le istruzioni.

    Per fare dei macarons perfetti i grandi pasticceri consigliano di usare albumi invecchiati da almeno tre giorni, quindi usate i tuorli per fare la crema pasticcera o un budino e tenete da parte gli albumi, li mettete in una tazza e ve li dimenticate per tre giorni dentro il frigo. Il giorno che decidete di preparare i macarons togliete gli albumi dal frigo almeno 4 ore prima di usarli, devono essere a temperatura ambiente, quindi regolatevi di conseguenza. I macarons sono essenzialmente delle meringhe quindi richiedono un procedimento molto rigoroso, la farina di mandorle deve essere impalpabile quindi potete acquistarla pronta e passarla al setaccio almeno tre volte. Se volete partire dalle mandorle dovete tostarle in forno per 12 minuti, poi le tritate nel mixer molto finemente insieme allo zucchero a velo, fate attenzione a non far surriscaldare le lame, altrimenti avrete un composto pastoso. A questo punto montate gli albumi con le fruste elettriche e dopo qualche minuto cominciate ad incorporare gradualmente mandorle e zucchero, montate ancora benissimo fino ad avere una meringa soda.

    Il composto deve essere molto sodo, liscio e senza grumi. A questo punto potete incorporare un po’ di colorante alimentare oppure 10 gr di cacao amaro, mescolate bene con un cucchiaio fino ad avere un colore omogeneo. Aggiungete altro colorante, ma senza esagerare, fino ad avere la tonalità desiderata. Mettete il composto ottenuto in una sac-a-poche e formate dei piccoli dischi a circa 3 cm di distanza uno dall’altro su di una teglia ricoperta da carta forno. Per fare i dischetti tutti uguali potete stampare un foglio coni cerchi e posizionarlo sotto la carta da forno, in alternativa premete la pancia della sac a poche e contate 5 secondi, poi passate al prossimo dischetto e procedete così fino ad esaurimento del composto.

    La caratteristica principale dei macarons è quella di essere croccanti fuori e morbidi dentro, la croccantezza esterna si ottiene grazie al croutage, dovete far asciugare i vostri dischetti per un minimo di 30 e fino a 45 minuti, c’è chi aspetta anche 2 – 3 ore, ma 30 minuti sono più che sufficienti. Cuocete i macarons in forno preriscaldato a 150°C per 13 Minuti. Rimuovete i macarons dalla carta da forno molto delicatamente e fateli raffreddare completamente.

Consigli

Riempite i dischetti, due a due, con marmellata, crema al burro o al cioccolato, o ciò che più preferite. Se volete potete decorare i vostri macarons con cacao amaro, zucchero a velo e noccioline tritate. I macarons generalmente si fanno con la farina di mandorle ma potete provarli anche con la farina di nocciole, sono assolutamente deliziosi, provare per credere!